Crema dolce di yogurt e formaggio

 
Ecco un’altra crema fresca buona da servire al cucchiaio o da usare per farcire torte e pasticcini. 😛
 
 

 

Note & Consigli

 
Di seguito riporto gli ingredienti ed il procedimento per due versioni differenti, entrambe golose: una mousse soffice e ricca ed un budino più solido e leggero.
 
In entrambe le versioni, le dosi indicate sono per 4-6 porzioni di crema.
 
Lo yogurt si può utilizzare normale, light o greco (denso) e di qualsiasi gusto (bianco, alla frutta o cremoso), mentre tra i formaggi freschi sono perfetti quelli cremosi come ricotta, quark, robiola o tipo philadelphia. 😉
 
Per aromatizzare la crema si possono aggiungere a piacere aromi (vaniglia, liquore) o frutta (in purea o a pezzetti) o cioccolato (a pezzetti o in polvere o in crema).
 
Soprattutto se non si aggiungono aromi o si usa yogurt bianco, è bene guarnire la crema a piacere con confettura, frutta fresca o sciroppata, granella di frutta secca o di amaretti o di torrone, cacao in polvere, scagliette di cioccolato, glasse, sciroppi, caramello morbido. 😛
 
 

 

  Mousse

 
 

Ingredienti

 

  • 250 gr di yogurt oppure di formaggio fresco oppure un misto di entrambi
  • 200 ml di panna fresca
  • zucchero a velo q.b.
  • mezza tazzina di latte oppure succo di limone
  • 0,5 gr di gelatina per ogni 100 gr di yogurt normale o light (utilizzando solo formaggio oppure uno yogurt greco è possibile omettere la gelatina)
  •  
     

    Procedimento e Conservazione

     
    Metti la gelatina in ammollo in acqua fredda.
    Una volta ammorbidita, mettila in mezza tazzina di latte o limone caldo e mescola bene per farla sciogliere.
     
     


     
    In una ciotola capiente mescola yogurt, formaggio, zucchero q.b. (in relazione a quanto si vuole rendere dolce il composto) aromi e la gelatina sciolta fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea, quindi conservala in frigorifero coperta con pellicola per almeno un’ora.
     
    Riprendi la crema di yogurt/formaggio e dagli una mescolata con un cucchiaio o una frusta a mano.
     
    Monta la panna ben solida ed aggiungila alla crema di yogurt/formaggio amalgamando delicatamente dal basso verso l’alto.
     
    Conserva in frigorifero coperto con pellicola per almeno 4 ore e comunque fino al momento del consumo.
     
    Prima di servire (o di usare per farcire torte e pasticcini), mescola la mousse con un cucchiaio o una frusta a mano, poi distribuisci nelle coppe e decora a piacere la superficie.
     
    Se non consumata completamente, conserva la mousse avanzata coperta con pellicola in frigorifero, per non oltre tre giorni dopo la sua preparazione.
     
     

     

      Budino

     
     

    Ingredienti

     

  • 500 gr di yogurt oppure di formaggio fresco oppure un misto di entrambi
  • zucchero a velo q.b.
  • mezza tazzina di latte oppure di succo di limone
  • 2 gr di gelatina + 0,5 gr per ogni 100 gr di yogurt normale o light (utilizzando solo formaggio oppure uno yogurt greco è possibile omettere la gelatina aggiuntiva)
  •  
     

    Procedimento e Conservazione

     
    Metti la gelatina in ammollo in acqua fredda.
    Una volta ammorbidita, mettila in mezza tazzina di latte o limone caldo e mescola bene per farla sciogliere.
     
     

     
    In una ciotola capiente mescola yogurt, formaggio, zucchero q.b. (in relazione a quanto si vuole rendere dolce il composto) aromi e la gelatina sciolta fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.
     
    Versa il composto dentro le coppette singole o in un unico stampo (oppure su una base di torta all’interno di uno stampo apribile), quindi conserva in frigorifero coperto con pellicola per almeno 3 ore e comunque fino al momento del consumo.
     
    Servi il budino direttamente nelle coppette oppure rovesciato sul piatto da portata, decorando a piacere la superficie.
     
    Se non consumato completamente, conserva il budino avanzato coperto con pellicola in frigorifero, per non oltre tre giorni dopo la sua preparazione.
     
     

     
    Consiglio: se vuoi smodellare il budino prima di servirlo, scegli degli stampi con le pareti lisce oppure in silicone, così il rovesciamento sarà più facile! ^_^
     
    Ma se, nonostante questo accorgimento, quando capovolgi lo stampo sul piatto da portata il budino non si stacca dalle pareti?
    Niente panico, ti do due trucchetti per risolvere il problema!
     
    Il primo (quello che ho sempre usato io): porre lo stampo per alcuni secondi in acqua bollente o sul fornello prima di capovolgerlo sul piatto.
     
    Il secondo (visto fare in tv da Alessandro Borghese): capovolgere lo stampo sul piatto e riscaldare per alcuni secondi le pareti con il phon! O_O
     
     

     


    Ti è piaciuto questo articolo?
    Allora condividilo nel web tramite le icone qui sopra, lascia il tuo commento nel box qui sotto oppure seguilo tramite i Feed RSS.

    2 commenti

    1. Sara ha detto:

      Ciao, siccome non amo usare la gelatina, volevo sapere cosa cambia se non la metto e con cosa potrei sostituirla?
      Grazie per l’eventuale risposta! 🙂

    2. Ciao Sara, la gelatina serve per rendere più densa e compatta la crema.
      Nel caso della mousse, puoi ometterla ed il risultato sarà pressocchè identico, forse la crema sarà leggermente più morbida.
      Nel caso del budino invece un addensante è necessario altrimenti non otterrai l’effetto solido e compatto. Come alternativa potresti usare l’agar agar che è anche completamente vegetale, però io non l’ho mai utilizzato e quindi non so darti indicazioni sulla dose da mettere in sostituzione.
      Spero d’averti chiarito le idee! 😉



    Lascia un commento


    I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
    Tutti i campi compilati saranno pubblicati, tranne l'indirizzo email.