Crema fresca ai cachi

 
La crema fresca ai cachi è un dolce buono ed originale, ideale da servire al cucchiaio o da usare per farcire torte e pasticcini. 😛
 
 

 

Note & Consigli

 
Di seguito riporto gli ingredienti ed il procedimento per due versioni identiche nel gusto ma differenti nella consistenza: una mousse soffice ed un budino più solido.
 
In entrambe le versioni, le dosi indicate sono per 4-6 porzioni di crema.
 
I cachi ci sono solo in autunno, ma li puoi surgelare per realizzare questa mousse anche in altri periodi dell’anno.
Procedi in questo modo: elimina il picciolo, la buccia ed i filamenti dai frutti, raccogli la polpa e mettila nel freezer in vasetti chiusi con coperchio; al momento dell’utilizzo scongela la polpa e utilizzala come se fosse fresca.
 
Per aromatizzare la crema puoi aggiungere un pizzico di cannella oppure vaniglia oppure 2 cucchiai di liquore (cognac, amaretto, rum) e, prima di servirla, puoi decorarla con panna montata leggermente zuccherata e cannella in polvere o amaretti. 😛
 
Se vuoi ottenere una crema più leggera (più adatta per le farciture), sostituisci metà della panna con pari quantità di yogurt bianco denso o di ricotta. 😉
 
 
 

 

  Mousse

 
 

Ingredienti

 

  • 2 cachi ben maturi (circa 400 gr)
  • 250 ml di panna fresca
  • zucchero q.b.
  • mezza tazzina di latte oppure succo di limone
  • 2 gr di gelatina
  • aroma a piacere (facoltativo)
  •  
     

     

    Procedimento e Conservazione

     
    Metti la gelatina in ammollo in acqua fredda.
    Una volta ammorbidita, mettila in mezza tazzina di latte o limone caldo e mescola bene per farla sciogliere.
     
    Elimina il picciolo, la buccia ed i filamenti dai cachi, raccogli la polpa e mettila nel frullatore con l’aroma, lo zucchero e la gelatina sciolta.
     
    In una ciotola capiente monta la panna ben solida ed aggiungici il frullato amalgamando delicatamente dal basso verso l’alto.
     
    Conserva in frigorifero coperto con pellicola per almeno 4 ore e comunque fino al momento del consumo.
     
    Prima di servire (o di usare per farcire torte e pasticcini), mescola la mousse con un cucchiaio o una frusta a mano, poi distribuisci nelle coppe e decora a piacere la superficie.
     
    Se non consumata completamente, conserva la mousse avanzata coperta con pellicola in frigorifero, per non oltre tre giorni dopo la sua preparazione.
     
     
     

     

      Budino

     
     

    Ingredienti

     

  • 2 cachi ben maturi (circa 400 gr)
  • 250 ml di panna fresca
  • zucchero q.b.
  • mezza tazzina di latte oppure succo di limone
  • 5 gr di gelatina
  • aroma a piacere (facoltativo)
  •  
     

     

    Procedimento e Conservazione

     
    Metti la gelatina in ammollo in acqua fredda.
    Una volta ammorbidita, mettila in mezza tazzina di latte o limone caldo e mescola bene per farla sciogliere.
     
    Elimina il picciolo, la buccia ed i filamenti dai cachi, raccogli la polpa e mettila nel frullatore con l’aroma, lo zucchero e la gelatina sciolta.
     
    Metti il frullato in una ciotola capiente ed aggiungi la panna (a scelta liquida o leggermente montata) amalgamando bene.
     
    Versa il composto dentro le coppette singole o in un unico stampo (oppure su una base di torta all’interno di uno stampo apribile), quindi conserva in frigorifero coperto con pellicola per almeno 3 ore e comunque fino al momento del consumo.
     
    Servi il budino direttamente nelle coppette oppure rovesciato sul piatto da portata, decorando a piacere la superficie.
     
    Se non consumato completamente, conserva il budino avanzato coperto con pellicola in frigorifero, per non oltre tre giorni dopo la sua preparazione.
     
     

     
    Consiglio: se vuoi smodellare il budino prima di servirlo, scegli degli stampi con le pareti lisce oppure in silicone, così il rovesciamento sarà più facile! ^_^
     
    Ma se, nonostante questo accorgimento, quando capovolgi lo stampo sul piatto da portata il budino non si stacca dalle pareti?
    Niente panico, ti do due trucchetti per risolvere il problema!
     
    Il primo (quello che ho sempre usato io): porre lo stampo per alcuni secondi in acqua bollente o sul fornello prima di capovolgerlo sul piatto.
     
    Il secondo (visto fare in tv da Alessandro Borghese): capovolgere lo stampo sul piatto e riscaldare per alcuni secondi le pareti con il phon! O_O
     
     

     


    Ti è piaciuto questo articolo?
    Allora condividilo nel web tramite le icone qui sopra, lascia il tuo commento nel box qui sotto oppure seguilo tramite i Feed RSS.

    2 commenti

    1. ladyblue ha detto:

      mmhhh che buoni i cachi!! io gli adoro ma gli ho sempre mangiati come frutto, al naturale… mi segno la ricetta, devo assolutamente provarlo sotto forma di crema!! grazie 🙂

    2. La Cucina di Silvia ha detto:

      Ciao ladyblue, devo dirti che anche io fino a qualche anno fa li mangiavo solo come frutto… ma poi un giorno in un ristorante mi hanno servito un budino ai cachi che mi è piaciuto molto, e così ho cercato e sprimentato qualche ricetta dolce in cui inserirli 😛
      Sono contenta che le mie creme ti abbiano ispirato, fammi sapere che ne pensi dopo averle assaggiate anche tu!
      Ah dimenticavo! Se ti piacciono i cachi devi provare anche la crostata: http://www.guadagna-con-noi.com/lacucinadisilvia/?p=1035 😉



    Lascia un commento


    I campi contrassegnati con * sono obbligatori.
    Tutti i campi compilati saranno pubblicati, tranne l'indirizzo email.