Crostata con i cachi

Farcitura delicata e leggera per pasta frolla.
 
 

 

Ingredienti per il ripieno

  • 3-4 cachi ben maturi (circa 700 gr)
  • zucchero q.b.
  • per aromatizzare (facoltativo): buccia di limone oppure vaniglia oppure mezzo cucchiaino di cannella in polvere oppure 2 cucchiai di liquore oppure 5-8 amaretti secchi finemente sbriciolati
  • per decorare (facoltativo): zucchero a velo oppure cacao + zucchero oppure cannella + zucchero
  •  
     

     

    Note & Consigli

    I cachi ci sono solo in autunno, ma li puoi surgelare per realizzare questa crostata anche in altri periodi dell’anno.

    Procedi in questo modo: elimina il picciolo, la buccia ed i filamenti dai frutti, raccogli la polpa e mettila nel freezer in vasetti chiusi con coperchio; al momento dell’utilizzo scongela la polpa e utilizzala come se fosse fresca.
     
    Se i cachi non ti piacciono (oppure se non ne hai a disposizione) li puoi sostituire con altri tipi di frutta dalla consistenza morbida (io ho già provato con pesche e con albicocche), fresca e matura oppure sciroppata. 😉
     
     

     
    Con le dosi indicate realizzi una crostata da cui ricavare 6-8 porzioni.
     
    Ricordati di togliere la torta dal forno appena terminata la cottura, ma lasciala raffreddare bene prima di sformarla dallo stampo.
     
    E se avanza un po’ di pasta, non buttarla!
    Puoi realizzare dei biscotti per la colazione o la merenda.
     
     

     

    Procedimento

    Elimina il picciolo, la buccia ed i filamenti dai cachi, raccogli la polpa in una ciotola e schiacciala bene con una forchetta o rendila vellutata usando il minipimer.

    Aggiungi lo zucchero (la quantità è a piacere, considerando che il cachi è un frutto molto dolce suggerisco di usarne poco e comunque di assaggiare e decidere al momento) e gli aromi (se previsti), poi mescola bene con un cucchiaio.

    Prepara la crostata (classica, senza strisce o ripiena) e cuoci in forno preriscaldato a 200° per 20-25 minuti.

    Decora la superficie solo al momento di servirla.
     
     

    Conservazione

    La crostata si conserva a temperatura ambiente, chiusa in un contenitore o un sacchetto di plastica, e si mantiene buona per 3-4 giorni, sempre se non la finisci prima! 😀
     
     

     

    Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo nel web tramite le icone qui sopra, segui tutte le risposte tramite i Feed RSS, lascia il tuo commento nel box qui sotto o inserisci un trackback dal tuo sito.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *